STORIE DI ENERGIA E INNOVAZIONE.

eHighway, in Svezia le autostrade elettriche per tir

Consumi | Innovazione |

eHighway, in Svezia le autostrade elettriche per tir

Tir che si comportano come filobus e viaggiano in autostrada grazie a un motore elettrico alimentato da cavi posti in alto sulla carreggiata.  È questo il progetto del governo svedese e di Siemens e Scania che punta a creare autostrade elettriche in tutto il Paese. L’obiettivo è di eliminare l’uso di tutti i combustibili fossili entro il 2030.

eHighway per ridurre la CO2

Per ora è solo un esperimento che copre 2 km di autostrada nella provincia di Gästrikland, una porzione di autostrada che collega la Svezia alla Norvegia.

Per quel tratto i tir, messi a punto da Scania, una filiale del gruppo Volkswagen Truck & Bus,  possono collegarsi alla rete elettrica ed essere alimentati alla stregua dei nostri filobus. Il progetto è stato finanziato con 8 milioni dal governo svedese, mentre 5 sono stati investiti dalle due aziende coinvolte.

L’idea è ambiziosa: ridurre di circa l’80% il consumo di combustibile fossile nel Paese, creando sempre più arterie “elettriche”.

L’idea è ambiziosa: ridurre di circa l’80% il consumo di combustibile fossile nel Paese, creando sempre più arterie “elettriche”.

eHighway, un sistema flessibile

Il funzionamento del sistema è molto simile a quello dei filobus. I Tir della Scania hanno in dotazione un pantografo, lo strumento che permette la ricezione dell’energia elettrica. Appena passano nella zona “coperta” il pantografo si collega ai due poli dei cavi posti in alto sopra la carreggiata.  Al superamento dei 90km orari, il il motore del mezzo passa all’alimentazione elettrica. Una volta fuori dall’autostrada, o in caso di sorpassi o cambi di corsia, il tir torna a muoversi con un motore diesel, o elettrico con batteria.

 

I vantaggi di eHighway

Questo genere di sistema da alimentazione elettrica non è di certo una novità. La vera innovazione è nell’aver scelto di installarlo su un’autostrada. Il vantaggio maggiore è nella competitività. Rispetto ad altre soluzioni, come l’installazione delle colonnine elettriche, ha dei costi decisamente minori:

«La maggior parte dei beni trasportati in Svezia viaggiano sulle strade, ma solo una parte limitata di questi può essere movimentata per altre vie. Questa è la ragione per la quale dobbiamo liberare i camion dalla loro dipendenza dai combustibili fossili. Le strade elettriche offrono questa possibilità e sono un eccellente complemento al sistema dei trasporti», spiega all’Ansa, Anders Berndsson, il progettista capo della Amministrazione svedese dei trasporti.